Pinacoteca di Brera Informazioni
1779: Milano e la Storia dell’Arte di Winckelmann
PINACOTECA DI BRERA

Via Brera, 28
20121 Milano
tel. +39 02 72263 1
fax: +39 02 720 011 40
pin-br@beniculturali.it

JAMES M. BRADBURNE

Segreteria della direzione
tel. +39 02 722 63 203

PRENOTAZIONI

www.vivaticket.it
tel. 02 92 800 361

Visita la Pinacoteca di Brera

25/10/2017 Sala Maria Teresa, Biblioteca Nazionale Braidense

1779: Milano e la Storia dell’Arte di Winckelmann

Conferenza di Pierluigi Panza.

1779: Milano e la Storia dell’Arte di Winckelmann Orario: 16.30

Dove: Sala Maria Teresa, Biblioteca Nazionale Braidense

Ingresso: ingresso libero

Il 1717 è il trecentesimo anniversario dalla nascita di Johann Joachim Winckelmann (Stendhal 9 dicembre 1717 – Trieste 8 giugno 1768), padre della Storia dell’arte antica. Sebbene Winckelmann non sia mai stato a Milano, nella diffusione italiana del suo pensiero la nostra città fu importante perché qui, nel 1779, avvenne la prima traduzione nella nostra lingua della sua “Storia dell’arte presso gli antichi” a cura dell’abate Carlo Amoretti. Amoretti, ligure in servizio all’Ambrosiana, fu figura poliedrica di studioso e anche di patriota lombardo.
Archinto, Bianconi, Firmian, Trivulzio, Cattaneo sono altri illustri lombardi, di nascita o d’adozione, che hanno signi cato qualcosa per la storia di Winckelmann. I primi due furono arte ci dell’imporsi dello studioso tedesco sulla scena italiana; gli altri tre furono soprattutto attivi nella promozione del suo gusto e pensiero.
Ricordiamo che Archinto fu abate di Santa Maria in Brera e fu raffigurato da Mengs; Gian Ludovico Bianconi fu ambasciatore in Italia, conobbe Winckelmann a Roma e a Napoli mentre suo fratello, Carlo, fu segretario all’Accademia di Belle Arti di Brera. Il conte plenipotenziario Carlo Firmian, amico e divulgatore dei testi e del gusto di Winckelmann, fu incaricato dall ́imperatrice Maria Teresa dell ́istituzione della Biblioteca Braidense.
Carlo Trivulzio fu il maggior collezionista milanese dell’epoca e sono principalmente suoi i pezzi lombardi citati nella traduzione del 1779. Il conte Gaetano Cattaneo, infine, fu direttore della Zecca milanese, studioso di gemme antiche e i suoi libri, comprensivi di tre volumi di Winckelmann, furono raccolti alla Biblioteca Braidense.

 
 

Per informazioni:

Biblioteca Nazionale Braidense, Sala Maria Teresa, via Brera 28, Milano
tel. 02 8646 0907 int. 504
email: b-brai.comunicazionebeniculturali.it

 
 

Potrebbe interessarti anche:

Winckelmann a Milano

Condividi

Scopri la collezione della Pinacoteca di Brera

Capolavori Catalogo delle opere Altissima definizione