Pinacoteca di Brera Informazioni

Trittico di Camerino (Trittico di San Domenico)

Carlo Crivelli

Il trittico giunse a Brera dalla chiesa di San Domenico a Camerino nel 1811, in seguito alle spoliazioni napoleoniche. L’assetto compositivo deriva dal polittico dei “Santi belli”, eseguito nel 1480 da Nicolò Liberatore per la chiesa di San Venanzio a Camerino, che a sua volta si inserisce in una tradizione tipicamente camerinese.

Durante il trasferimento alla Pinacoteca andò perduta la cornice originale che conteneva probabilmente anche altre scene: due di queste, l’Angelo annunciante e la Vergine annunciata, giunsero a Brera ma furono oggetto di scambio con altri dipinti.
Restarono invece in Pinacoteca due parti della predella. Come più tardi nella Madonna della Candeletta, Crivelli cesella minuti dettagli decorativi, fa sfoggio di arditi scorci prospettici e suggerisce l’esistenza di uno spazio unitario e moderno dietro la struttura arcaica del polittico a scomparti; tuttavia, in quest’opera del 1482, l’insieme appare meno esuberante e più naturale.

 

Scarica l'immagine ad alta risoluzione TITOLO Trittico di Camerino (Trittico di San Domenico)
AUTORE Carlo Crivelli
DATA 1482 - 1483
MATERIA E TECNICA Tempera su Tavola
DIMENSIONI I Santi Pietro e Domenico cm 167 x 63; Madonna con il Bambino cm 190,5 x 78; i Santi Pietro Martire e Venanzio cm 167 x 61,8; i Santi Antonio Abate, Girolamo e Andrea cm 26 x 62; i Santi Giacomo, Bernardino e il beato Ugolino Malagotti da Fiegni (?) cm 26 x 62
INVENTARIO 155-350-351
SALA XXII
Opera esposta
Potrebbero interessarti anche opere:
Dello stesso autore Dello stesso periodo Nella stessa sala espositiva

Scopri la collezione della Pinacoteca di Brera

Capolavori Catalogo delle opere Altissima definizione