Pinacoteca di Brera Informazioni

Sposalizio della Vergine

Vittore Carpaccio

Lo Sposalizio della Vergine insieme alla tela della Presentazione della Vergine al tempio facevano parte di un più vasto ciclo dedicato alle Storie della Vergine commissionato all’artista dalla Confraternita degli Albanesi a Venezia e oggi disperso fra Milano, Bergamo (Accademia Carrara) e Venezia (Gallerie dell’Accademia): i dipinti, eseguiti intorno al 1502 -1504, erano destinati alla decorazione della sala dell’Albergo nella sede della Confraternita. Le opere testimoniano appieno le doti di narratore dell’artista e mostrano il suo vivo interesse per la descrizione minuta dei dettagli, che inserisce copiosamente nella raffigurazione mescolando con naturalezza motivi realistici, oggetti esotici ed elementi di pura fantasia.

I due teleri dalla Scuola degli Albanesi passarono successivamente alla Scuola dei Pistori di Venezia, per poi giungere in Pinacoteca nel 1808 in seguito alle soppressioni napoleoniche.

Nello Sposalizio della Vergine è raffigurato l’episodio apocrifo dei pretendenti di Maria che rompono i bastoni, come nel capolavoro di Raffaello nella Sala XXIV, mentre lei sceglie il più anziano, Giuseppe, il cui bastone è germogliato. L’interno è rivestito di marmo e c’è un disegno accurato della menorah che mostra tutto lo sforzo di Carpaccio nel raffigurare gli elementi esotici della Venezia del tempo, in cui la comunità ebraica era numerosa e attiva.

Scarica l'immagine ad alta risoluzione TITOLO Sposalizio della Vergine
AUTORE Vittore Carpaccio
DATA 1502 - 1505
MATERIA E TECNICA Olio su Tela
DIMENSIONI cm 130 x 140
INVENTARIO 348
SALA VII
Opera esposta
Condividi
Potrebbero interessarti anche opere:
Dello stesso autore Dello stesso periodo Nella stessa sala espositiva

Scopri la collezione della Pinacoteca di Brera

Capolavori Catalogo delle opere Altissima definizione
1