Pinacoteca di Brera Informazioni

Ritratto di Alessandro Manzoni

Francesco Hayez

Come il Ritratto di Teresa Manzoni Stampa, con cui fa pendant, il dipinto fu donato a Brera nel 1900 da Stefano Stampa, figliastro di Manzoni e uomo dalle molte passioni artistiche. Fu commissionato all’artista dalla seconda moglie di Manzoni, Teresa. Si tratta del ritratto più noto dello scrittore milanese, una delle “icone” della civiltà romantica e della società di quel tempo realizzate da Hayez e un insuperato esempio di sottile scavo psicologico: l’attenzione è tutta sulla figura mentre l’ambiente è ridotto ai minimi dettagli.
Manzoni non amava farsi ritrarre, ma per Hayez fece un’eccezione. Si recò di persona nel suo studio per quindici sedute: tre per abbozzare il ritratto, dieci per dipingerlo accuratamente dal vero, copiando anche la sua tabacchiera rotonda, e due per ritoccarlo.
L’artista vi si dedicò con grande passione, nell’intento di realizzare un’effigie naturale e immediata, che fosse al contempo emblematica della personalità nonché dell’etica religiosa e sociale del protagonista.
Una replica più tarda è esposta alla Galleria d’Arte Moderna di Milano.

Media

 

Potrebbe interessarti anche:

Restauro

Scarica l'immagine ad alta risoluzione TITOLO Ritratto di Alessandro Manzoni
AUTORE Francesco Hayez
DATA 1841
MATERIA E TECNICA Olio su Tela
DIMENSIONI cm 120 × 92,5
INVENTARIO 963
SALA XXXVIII
Opera esposta
Condividi
Potrebbero interessarti anche opere:
Dello stesso autore Dello stesso periodo Nella stessa sala espositiva

Scopri la collezione della Pinacoteca di Brera

Capolavori Catalogo delle opere Altissima definizione
1