Pinacoteca di Brera Informazioni

Fucina di Vulcano

Bernardino Luini

L’opera fa parte del ciclo di affreschi di Bernardino Luini provenienti dalla villa Pelucca nei pressi di Monza.

Gli affreschi provenienti dalla villa Pelucca nei pressi di Monza, ora inglobata nel comune di Sesto San Giovanni e trasformata in casa di riposo, entrarono a Brera negli anni 1821 e 1822, quando l’edificio, residenza durante il periodo napoleonico del viceré Eugenio di Beauharnais, e passato nel 1816 al demanio del regno Lombardo – Veneto, stava per esser venduto a privati.
L’allestimento attuale li ripresenta quasi al completo, dopo una lunga permanenza nei depositi. La campagna di stacchi fu effettuata da Stefano Barezzi, che li trasportò su tavole di legno, secondo un metodo diffuso fra la fine del XVIII secolo e il XIX secolo causa delle numerose fessure che ora attraversano i dipinti. Non tutti i frammenti entrarono nella Pinacoteca di Brera: alcuni infatti, ricomparvero in diversi musei e collezioni.
Il restauro, compiuto da Pinin Brambilla Barcilon e diretto da Maria Teresa Binaghi Olivari, ha mantenuto i supporti lignei in quanto testimonianza storica di quella tecnica di estrazione dei dipinti murali. Committente della decorazione della Pelucca era il nobile milanese Gerolamo Rabia, che aveva ereditato la tenuta dal padre Luigi nel 1506.
Gli affreschi furono prelevati da quattro diversi ambienti della Pelucca; il criterio arbitrario seguito nella scelta, con l’eliminazione di vaste porzioni delle scene e delle architetture dipinte che presumibilmente le incorniciavano, ne ha alterato la leggibilità e ha compromesso la possibilità di comprendere il significato iconografico di alcuni di essi.

Vulcano lavora i metalli insieme alla moglie Venere e a uno dei Ciclopi suoi assistenti; in alto si librano i venti, che hanno origine nella sua grotta. Questa rara versione della Fucina di Vulcano ornava il camino della sala principale della Pelucca, dove stavano le Storie di Mosè. Gerolamo Rabia commissionò la decorazione della villa per le sue nozze con Ippolita Pagnani; i loro stemmi si trovano sull’architrave del camino, ancora nella villa, con un’iscrizione forse composta dallo stesso Gerolamo.

Scarica l'immagine ad alta risoluzione TITOLO Fucina di Vulcano
AUTORE Bernardino Luini
DATA 1514 circa
MATERIA E TECNICA Affresco Staccato Trasportato su Tavola
DIMENSIONI cm 240 x 163
INVENTARIO 5520
SALA X
Opera esposta
Condividi
Potrebbero interessarti anche opere:
Dello stesso autore Dello stesso periodo Nella stessa sala espositiva

Scopri la collezione della Pinacoteca di Brera

Capolavori Catalogo delle opere Altissima definizione
1