Pinacoteca di Brera Informazioni

Redentore benedicente

Andrea di Bartolo

L’opera, datata intorno al 1390, proviene, insieme al polittico dell’Incoronazione della Vergine, dal convento di Santa Caterina d’Alessandria a Sant’Angelo in Vado, nei pressi di Urbino. È indicata nei registri napoleonici di Brera come opera di ignoto greco e solo negli anni quaranta del Novecento fu attribuita ad Andrea di Bartolo da Bernard Berenson: nonostante si sia ipotizzata la sua appartenenza al polittico dell’Incoronazione, si ritiene piuttosto che abbia fatto parte del complesso dell’Assunzione della Vergine, detta anche Madonna della Cintola, conservata al Virginia Museum of Fine Arts di Richmond.

La grande tavola di Richmond sarebbe dunque parte di un polittico, ormai disperso, il cui schema compositivo comprendeva l’ampia pala centrale dedicata all’Assunzione della Vergine, con ai lati probabilmente dei santi, una predella e dei pinnacoli terminali, uno dei quali sarebbe appunto il Redentore benedicente.

Scarica l'immagine ad alta risoluzione TITOLO Redentore benedicente
AUTORE Andrea di Bartolo
DATA 1390
MATERIA E TECNICA Tempera su Tavola
DIMENSIONI cm 73 x 31
INVENTARIO 204
SALA III
Opera esposta
Condividi
Potrebbero interessarti anche opere:
Dello stesso autore Dello stesso periodo Nella stessa sala espositiva

Scopri la collezione della Pinacoteca di Brera

Capolavori Catalogo delle opere Altissima definizione
1