Pinacoteca di Brera Informazioni

Presentazione di Gesù al tempio

Romanino (Gerolamo Romani)

L’opera, fra le meglio conservate di Romanino, non è documentata dalle fonti se non a partire dal 1826, quando viene ricordata in una guida di Brescia; è verosimile quindi che provenga in origine da un contesto diverso da quello bresciano.
Nel 1529, anno di realizzazione del dipinto, Romanino si trovava infatti a Salò per eseguire un quadro con Sant’Antonio da Padova (oggi nel duomo), ed è pertanto verosimile che la Presentazione al tempio sia stata realizzata per un committente di quest’area del Garda. La rigorosa simmetria della scena e lo sfondo architettonico dimostrano un’adesione alle formule compositive di Moretto, divenuto in quegli anni un fondamentale punto di riferimento nell’ambito della pittura bresciana.
I colori smaglianti e accesi denunciano invece l’influenza della pittura veneziana, mentre in alcuni dei volti dei personaggi di secondo piano si riconosce una ricerca ritrattistica che riconduce a Tiziano.

Scarica l'immagine ad alta risoluzione TITOLO Presentazione di Gesù al tempio
AUTORE Romanino (Gerolamo Romani)
DATA 1529
MATERIA E TECNICA Olio su Tavola
DIMENSIONI cm 188 x 140
INVENTARIO 2155
SALA XIV
Opera esposta
Condividi
Potrebbero interessarti anche opere:
Dello stesso autore Dello stesso periodo Nella stessa sala espositiva

Scopri la collezione della Pinacoteca di Brera

Capolavori Catalogo delle opere Altissima definizione
0