Pinacoteca di Brera Informazioni

Pietà

Lorenzo Lotto

Questo dipinto è un’importante testimonianza delle opere di Lotto nelle chiese del territorio di Treviso, eseguita in occasione del suo ultimo soggiorno in città. L’opera è quasi certamente identificabile con la pala che l’artista registra nel Libro dei Conti fra febbraio e luglio 1545, come destinata alla chiesa delle monache domenicane del convento di San Paolo a Treviso, dove rimase sino al 1811, quando il patrimonio fu disperso in seguito alle soppressioni napoleoniche.

Si tratta di un’opera intensamente espressiva, che si lega all’accentuarsi delle inquietudini e delle riflessioni sulla morte da parte di un artista da sempre irrequieto e anticonformista, divenuto forse più cupo con l’approssimarsi della vecchiaia. Ciò spiegherebbe la scelta di un’iconografia nordica – con illustri precedenti in Roger Van der Weyden e in Botticelli – decisamente inconsueta in ambito veneziano: dal fondo scuro dell’immagine emerge il gruppo scultoreo e intensamente drammatico costituito dalla Vergine, dal Cristo e da San Giovanni. Bellissimo è il gioco delle mani tra la Vergine e il figlio morto o il parallelismo del braccio di Cristo crollato a terra e il braccio cascante della Vergine svenuta.

Scarica l'immagine ad alta risoluzione TITOLO Pietà
AUTORE Lorenzo Lotto
DATA 1545
MATERIA E TECNICA Olio su Tela
DIMENSIONI cm 185 x 150
INVENTARIO 215
SALA IX
Opera esposta
Condividi
Potrebbero interessarti anche opere:
Dello stesso autore Dello stesso periodo Nella stessa sala espositiva

Scopri la collezione della Pinacoteca di Brera

Capolavori Catalogo delle opere Altissima definizione
0