Pinacoteca di Brera Informazioni

Madonna con il Bambino e l’agnellino

Pittore leonardesco

Il dipinto fu acquistato nel 1891 dal collezionista Edward Habich di Kassel e giunse in Pinacoteca come opera di Giovanni Antonio Bazzi detto Il Sodoma, anche se già in precedenza era stato assegnato a Leonardo da Vinci. In effetti l’opera riprende, nello schema compositivo, alcuni disegni preparatori eseguiti dal maestro toscano per la Madonna del Gatto, sostituendo al felino degli studi leonardeschi un agnello simbolo della Passione. Incontestabile anche l’intonazione leonardesca di tutto il gruppo in primo piano, forse con un’accentuazione fin troppo insistita delle ombre. Lo sfondo paesaggistico, con a destra, una figura di cavaliere e una figura appiedata, notate solo di recente, sembra invece dimostrare la conoscenza di dipinti di Raffaello come la Madonna col Bambino a Los Angeles (Norton Simon Museum), o come la Madonna Terranuova di Berlino (Staatliche Museen).

L’autore è stato identificato, dubitativamente, con Ferrando Spagnolo (Fernando de Llanos?): attorno al 1505; questi collaborava con Leonardo alla realizzazione della Battaglia di Anghiari e, probabilmente, è autore della Madonna col Bambino conservata presso la National Gallery di Londra, molto vicina all’esemplare braidense.

Scarica l'immagine ad alta risoluzione TITOLO Madonna con il Bambino e l’agnellino
AUTORE Pittore leonardesco
DATA 1502 -1505 / 1500 -1520
MATERIA E TECNICA Olio su Tavola
DIMENSIONI cm 60 x 52
INVENTARIO Reg. Cron. 1162
SALA XIX
Opera esposta
Condividi
Potrebbero interessarti anche opere:
Dello stesso autore Dello stesso periodo Nella stessa sala espositiva

Scopri la collezione della Pinacoteca di Brera

Capolavori Catalogo delle opere Altissima definizione
1