Pinacoteca di Brera Informazioni

La cité des promesses

Alberto Savinio (Andrea de Chirico)

Il dipinto fu realizzato a Parigi nel 1928 insieme ad altri cinque soggetti per la nuova casa del grande mercante Léonce Rosemberg, che aveva deciso di affidare la decorazione di ogni stanza ai pittori della sua scuderia: Giorgio de Chirico, Savinio appunto, Francis Picabia, Gino Severini, Fernand Léger, Jean Metzinger, Auguste Herbin, Max Ernst e altri.  Simile a L’île des charmes, l’altra tela di formato orizzontale più grande e d’intonazione più scura che le faceva da pendant insieme a una terza tela da anni irreperibile, questa “città trasparente”, veduta fantastica ed enigmatica, si fonda su un accumulo di rovine di forme geometriche altamente evocative, di significato sfuggente, che si stagliano contro un cielo dai colori dell’iride.
Vicino per certi aspetti alla straordinaria serie dei “Monumenti ai giocattoli” dello stesso periodo, il dipinto e gli altri cinque realizzati per Rosemberg sono, secondo le parole dello stesso Savinio, “paesaggi dell’aria… figurazioni che, in trasparenza, si delineano in mezzo all’atmosfera terrestre… simili alla visione della nuova Gerusalemme che, all’alba e al tramonto, può cogliere nell’aria anche un occhio mortale”.

Scarica l'immagine ad alta risoluzione TITOLO La cité des promesses
AUTORE Alberto Savinio (Andrea de Chirico)
DATA 1928
MATERIA E TECNICA Olio su Tela
DIMENSIONI cm 97 x 146
INVENTARIO 7503
SALA X
Opera esposta
Condividi
Potrebbero interessarti anche opere:
Dello stesso autore Dello stesso periodo Nella stessa sala espositiva

Scopri la collezione della Pinacoteca di Brera

Capolavori Catalogo delle opere Altissima definizione
0