Pinacoteca di Brera Informazioni

Il Ritrovamento del corpo di San Marco

Tintoretto (Jacopo Robusti)

Nel 1562 Tommaso Rangone, il “guardian grande” della Scuola di San Marco a Venezia, commissionò a Tintoretto un ciclo pittorico raffigurante le storie del santo, che l’artista realizzò entro il 1566; la serie di grandi teleri, di cui faceva parte il Ritrovamento conservato in Pinacoteca, era dedicata alla vita del santo e a fatti miracolosi legati alla sua storia. L’opera raffigura l’istante in cui, mentre i veneziani estraggono i cadaveri dalle tombe alla ricerca di San Marco, questi appare e li ferma con gesto imperioso, dato che il suo corpo è già stato estratto dal sepolcro in fondo alla sala e giace ai suoi piedi; la presenza dell’indemoniato  sulla destra della composizione accresce il tono miracoloso dell’episodio, cui assiste il committente abbigliato nelle vesti consoni al suo rango. Abile narratore, l’artista mette in scena il miracolo come se questo si svolgesse su un palcoscenico e forza le pose degli “attori” in movimenti scomposti ed enfatici: lo spettatore è trascinato nel cuore della vicenda grazie allo scorcio vertiginoso, che imprime allo spazio una straordinaria accelerazione in profondità accompagnata dallo scorrere della luce sulle arcate; il buio è attraversato da lampi di luci che sottolineano gli elementi cruciali del racconto, enfatizzano i volumi dei corpi ed esaltano il bianco innaturale dei cadaveri.

Scarica l'immagine ad alta risoluzione TITOLO Il Ritrovamento del corpo di San Marco
AUTORE Tintoretto (Jacopo Robusti)
DATA 1562 - 1566
MATERIA E TECNICA Olio su Tela
DIMENSIONI cm 396 x 400
INVENTARIO Reg. Cron. 5959
SALA IX
Opera esposta
Condividi
Potrebbero interessarti anche opere:
Dello stesso autore Dello stesso periodo Nella stessa sala espositiva

Scopri la collezione della Pinacoteca di Brera

Capolavori Catalogo delle opere Altissima definizione
1