Pinacoteca di Brera Informazioni

Cristo deriso

Sodoma (Giovanni Antonio Bazzi)

Appartenuto per decenni alla famiglia Medici di Ottaiano, il dipinto fu attribuito al Sodoma da Roberto Longhi ma è stato reso noto al grande pubblico solo negli ultimi anni ed è entrato in Pinacoteca nel 2002. Si tratta di un classico soggetto devozionale che, per le ridotte dimensioni, dovette certamente essere commissionato all’artista per la decorazione di una cappella o di un’abitazione privata e che mostra tracce della conoscenza diretta di modelli leonardeschi quali, per esempio, la rappresentazione degli sgherri: il riferimento a Leonardo da Vinci viene attualmente spiegato con l’ipotesi di un soggiorno milanese di Sodoma, da datarsi dopo la fine dell’apprendistato nella bottega vercellese di Martino Spanzotti – avviato nel 1490 – e prima del trasferimento in Toscana, a partire dal 1505. Da quel momento egli intraprese una carriera prestigiosa, lavorando per committenti del calibro di Giulio II, Agostino Chigi e Alfonso d’Este.

Scarica l'immagine ad alta risoluzione TITOLO Cristo deriso
AUTORE Sodoma (Giovanni Antonio Bazzi)
DATA circa 1490 - 1505
MATERIA E TECNICA Olio su Tavola
DIMENSIONI cm 59,5 x 46
SALA XIX
Opera esposta
Condividi
Potrebbero interessarti anche opere:
Dello stesso autore Dello stesso periodo Nella stessa sala espositiva

Scopri la collezione della Pinacoteca di Brera

Capolavori Catalogo delle opere Altissima definizione
0