Pinacoteca di Brera Informazioni

Cristo alla colonna

Donato Bramante (Donato di Pascuccio)

Bramante si era formato a Urbino, centro di studi matematici dove era maturato l’uso della prospettiva come forma di controllato ordinamento dello spazio dipinto. Giunto a Milano, l’artista approfondì queste conoscenze ricercando effetti visivi e illusionistici destinati a colpire le emozioni dello spettatore: il Cristo alla colonna può considerarsi un manifesto di tale innovativo linguaggio, grazie al quale la cultura artistica lombarda si aprì a inedite soluzioni di stampo rinascimentale.
Al suo arrivo alla corte di Ludovico il Moro, Bramante lavorò come architetto a Santa Maria presso San Satiro, dove l’assenza dello spazio fisico in cui collocare l’emiciclo del coro suggerì la creazione di una finta volta in stucco che simulasse la dilatazione spaziale delle pareti della chiesa: la stessa idea di spazio ricreato illusionisticamente costituisce il tema portante del dipinto di Brera, dove alcuni espedienti compositivi – il corpo scultoreo che invade il primo piano, la finestra, la colonna che si estende oltre i limiti fisici del quadro – riescono a suggerire l’esistenza di un grande ambiente sorretto da colonne entro il quale si svolge il supplizio di Cristo.
Sollecitò la sensibilità di Bramante il confronto con le opere di Leonardo, che a Milano, negli stessi anni, dipingeva il Cenacolo e indagava le potenzialità espressive dei movimenti del corpo e delle espressioni del viso: nel Cristo alla colonna la plasticità scultorea di matrice urbinate si arricchisce pertanto di dettagli di sorprendente naturalismo, quali le carni strette dai lacci e le lacrime trasparenti, i cui effetti sull’emotività dello spettatore costituivano un’assoluta novità rispetto alla formazione di Bramante. L’opera è stata probabilmente eseguita nei primi anni novanta del Quattrocento.

Scarica l'immagine ad alta risoluzione TITOLO Cristo alla colonna
AUTORE Donato Bramante (Donato di Pascuccio)
DATA 1490-1499
MATERIA E TECNICA Olio su Tavola
DIMENSIONI 93,7 × 62,5
INVENTARIO Deposito Abbazia di Chiaravalle
SALA XXIV
Opera non esposta
Condividi
Potrebbero interessarti anche opere:
Dello stesso autore Dello stesso periodo Nella stessa sala espositiva

Scopri la collezione della Pinacoteca di Brera

Capolavori Catalogo delle opere Altissima definizione
1