Pinacoteca di Brera Informazioni
Lalla Romano e Virginia Woolf
PINACOTECA DI BRERA

Via Brera, 28
20121 Milano
tel. +39 02 72263 1
fax: +39 02 720 011 40
pin-br@beniculturali.it

JAMES M. BRADBURNE

Segreteria della direzione
tel. +39 02 722 63 203

PRENOTAZIONI

www.vivaticket.it
tel. 02 92 800 361

Visita la Pinacoteca di Brera

18/11/2017 Sala Lalla Romano presso la Biblioteca Nazionale Braidense (Via Brera 28, Milano)

Lalla Romano e Virginia Woolf

Scrittori in Sala Lalla Romano – Incontro con Mario Fortunato, scrittore e critico letterario, profondo conoscitore dell’opera di Virginia Woolf, di cui – fra l’altro – ha tradotto e curato recentemente i libri Londra e Lunedì o martedì. Tutti i racconti, editi da Bompiani.

Lalla Romano e Virginia Woolf Orario: 11.00

Dove: Sala Lalla Romano presso la Biblioteca Nazionale Braidense (Via Brera 28, Milano)

Ingresso: ingresso libero fino ad esaurimento posti

Mario Fortunato ha anche sempre seguito e scritto sulle opere di Lalla Romano. E in uno dei suoi libri più affascinanti, Quelli che ami non muoiono (Bompiani), ha intitolato “Lalla Romano come una regina” il capitolo in cui ricorda il suo primo incontro con la scrittrice piemontese.
Due autrici sulle quali Mario Fortunato ha quindi molto da raccontare, tenendo conto dell’affinità tra Virginia Woolf e Lalla Romano, che Andrea Zanzotto ha definito «una Virginia Woolf liberata».
Anche Anna Banti, concludendo su “Paragone” la recensione a Le parole tra noi leggere di Lalla Romano, ha scritto: «Virginia Woolf, auspicando la nascita del grande scrittore totalmente femminile, ha più volte insistito sulla necessità che esso si manifesti con caratteri del tutto autonomi dall’esempio e dal modello dello scrittore tout court: finalmente libero dalla leggenda leggiadramente minoritaria della letteratura femminile. Forse l’ultima prova della Romano va considerata in questa direzione. Coraggiosa in più di un senso».
Certamente i libri di Virginia Woolf sono stati testi di riferimento per Lalla Romano perché aiutano a penetrare nel mistero delle parole: per questo considerava Virginia Woolf suo modello. C’è quindi un’affinità fra le due scrittrici: per la grande fede nella scrittura e una fede altrettanto solida nella memoria. Memoria che salva dall’oblio e si proietta nel futuro. Nell’incontro verrà anche presentato il nuovo libro di racconti di Mario Fortunato Tutti i nostri errori, in uscita da Bompiani.

Si ricorda che non si può entrare in Sala a incontro iniziato.

 
 

Per informazioni:

Info: 348.5601217
www.lallaromano.it

Condividi

Scopri la collezione della Pinacoteca di Brera

Capolavori Catalogo delle opere Altissima definizione